sito88euro

inchiestabanner

×

Attenzione

Errore nel caricamento del componente: com_tags, Componente non trovato

Valutazione attuale: 1 / 5

Star ActiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive
 

Attenti ad andare al lido azzurro a Catania, se siete omosessuali, se siete una minoranza, se appartenete ad una cultura diversa, c'è il rischio che vi caccino via. Il lido azzurro, il lido della vergogna.

lidoazzurro

 

La strana reazione dell' Arcigay 

Una pacca sulla spalla e la promessa di appendere un paio di adesivi, e il "ci vediamo per il torneo di beach volley allora", di questo e niente altro il presidente dell' Arcigay di Catania Motta si è accontentato rapportandosi con i dirigenti del Lido Azzurro per quella che viene ormai definita la piu' brutta storia di omofobia accaduta a Catania negli ultimi anni.

Avrebbe potuto chiedere il licenziamento del collaboratore macchiatosi di un simile vile atto.

Avrebbe potuto aderire insieme all'Arcigay alla campagna di boicottaggio lanciata da molti cittadini.

E' nato in modo spontaneo su iniziale proposta dell' Associazione Raccontiamo Catania un movimento di boicottaggio ( #boicottalidoazzurro) mentre i vertici dell'Arcigay premono per una chiusura veloce dell' incidente.

Come mai alla luce di un caso di omofobia così grave tanto da essere stato riportato a livello nazionale (ricordiamo l'articolo di Repubblica) le teste pensanti dell'Arcigay hanno deciso di smussare i contorni di una polemica che vedeva la comunità Gay Catanese vogliosa di giustizia.

" Mi chiedo " - afferma il presidente dell'Associazione Raccontiamo Città e gestore del portale raccontiamocatania.it Luca Conti -  " se non vi siano rapporti e interessi tra il presidente dell'Arcigay e la direzione di quello che è uno dei lidi di maggior visibilità a Catania e se gli interessi e i diritti di queste due ragazze siano stati messi in secondo piano rispetto a tali interessi, un ipotesi la mia, che mi piacerebbe fosse chiarita dai vertici dell'Arcigay. Un ipotesi che è doveroso esprimere davanti a tanta voglia di appianare una polemica giusta che andrebbe invece nutrita, non solo non hanno voluto aderire al boicottaggio del lido ma hanno anche confermato la presenza della squadra di beach volley dell'Arcigay al lido Azzurro e proprio in queste ore stanno di fatto pubblicizzando il lido nella loro pagina".

Il Fatto

Due ragazze lesbiche qualche giorno fa vengono allontanate da un non identificato collaboratore del famoso lido balneare di Catania Il Lido Azzurro, che si trova alla playa, le ragazze che stavano semplicemente passeggiando lungo la spiaggia si erano scambiate un normalissimo bacio proprio come una vicina coppia eterosessuale che sostava vicino a loro.

Iniziano così le lamentele di alcune " signore " che si trovavano dentro il lido che avvertono la sicurezza del lido, le ragazze vengono costrette ad andare vie e rimproverate davanti a tutti come una vera e propria caccia alle streghe con tanto di accusa pubblica.

La Gravità del Fatto

Grave, gravissimo il fatto nella sua agghiacciante semplicità, una discriminazione che non trova scuse e che viola tutti i principi costituzionali su cui si poggiano i diritti dei cittadini Italiani.

La scena è gravissima, la coppia etero che continua a stare dentro il lido, e la coppia diversa, quella senza diritti, la coppia " sbagliata " che viene allontanata.

Una cultura da medioevo emerge ad una prima indagine superficiale dei fatti di quella piu' nera e psicologicamente violenta che possa esistere. La direzione del lido dimostra di non sapere gestire un posto in cui convergono molte persone, di non avere sensibilità, di agire anzi al di fuori della legge che non vieta assolutamente alle coppie omosessuali di poter scambiare gesti d'affetto in un luogo pubblico o privato. 

La reazione in Città

Immediata scatta l'ondata di indignazione in Città e la nascita in modo spontaneo di un vasto movimento di boicottaggio, la parola d'ordine infatti, anche sui social netoworks diventa non andiamo piu' al lido azzurro. 

Il boicottaggio diventa quindi lo strumento per esprimere la propria rabbia verso una struttura che solo dopo aver capito la gravità della situazione ha accennato le prime, insufficenti e timide scuse.

Scuse che non bastano a placare la rabbia che in queste ore sta montando in tutta la città per quello che può essere registrato come il piu' grave atto di intolleranza nei confronti della comunità omosessuale avvenuto nel capoluogo Etneo negli ultimi anni.

Boicottare!

Boicottare quindi è anche la posizione del portale raccontiamocatania.it, per lanciare un messaggio diretto e potente a quanti vogliono far ricadere la nostra società nell'oscurantismo piu' assoluto. In una città come Catania dove l'inciviltà aumenta sempre di piu' una struttura come il lido azzurro che deve ringraziare i cittadini Catanesi, omosessuali ed etero, per il successo avuto in questi anni non può semplicemente esistere.

 

 

 

Joomla templates by a4joomla