inchiestabanner

Valutazione attuale: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

l'Italia è fatta di gente onesta dentro le botteghe, che si ricorda i "vecchi tempi", prima che gli rubassero i risparmi.

 

Capita a tutti vero? Cosa??? ma come cosa??? di ricordare i vecchi tempi, o di intravedere squarci di passato come in uno strano viaggio nel tempo, è quello che mi è capitato oggi, rivedendo mio zio che non vedevo da un pezzo.

Che lavoro fa? non ha importanza, un lavoro onesto, come tanti Italiani, quelli che non saltano mai agli onori della cronaca perchè non fanno rapine, non danno appalti alla mafia, non hanno mai preso la tessera della p2, e non si affacciano ogni domenica da un balcone in piazza San Pietro per cianciare di pace e buoni propositi mentre siedono su di un trono fatto di smeraldi e oro massiccio.

Valutazione attuale: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Due milioni di passeggeri da e per Catania con Air Malta negli ultimi 30 anni.

 

Due milioni di passeggeri trasportati da e per Catania a partire dall'inaugurazione del primo volo, effettuato nel 1981 e circa 150mila passeggeri nell'anno appena concluso. Sono questi alcuni dati forniti da Air Malta riguardanti l'aeroporto di Catania e resi noti da Brock Friesen, direttore commerciale della compagnia aerea durante un incontro avvenuto nel capoluogo etneo.

Valutazione attuale: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Il presidente della commissione politiche giovanili della provincia Claudio Milazzo, i consiglieri comunali Manlio Messina e Giacomo Bellavia, e il consigliere della prima municipalità Alessio Zizzo rispondono all'annuncio di querela da parte degli amministratori del centro Experia.

Valutazione attuale: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

 

MILANO - La notizia è di quelle che creano speranze fra i malati, in questo caso i malati ai polmoni: ricercatori inglesi hanno creato un prototipo di polmone portatile, grande più o meno come un porta-occhiali e capace di ossigenare il sangue, liberandolo dall’anidride carbonica. Ma anche il sito della Bbc che parla di questo nuova «cura high tech», invita subito a non lasciarsi troppo entusiasmare: ci vorranno molti anni prima che il dispositivo possa essere utilizzato in clinica ed, eventualmente, sostituirsi al trapianto.

40 MALATTIE - Ma la ricerca è comunque interessante: l’apparecchio è stato realizzato alla Swansea University da Bill Johns che ha cominciato a lavorare all’idea dopo aver perso un figlio per fibrosi cistica, una malattia genetica che può colpire il tessuto polmonare distruggendolo. Un polmone portatile, infatti, potrebbe essere utilizzato per aiutare respirare pazienti con almeno una quarantina di malattie che compromettono la respirazione: dall’asma alla tubercolosi, dai tumori alle apnee notturne, dall’influenza alla bronchiolite. Il dispositivo è costituito da tanti tubicini: ognuno di questi riceve il sangue venoso, che arriva dai tessuti ed è ricco di anidride carbonica, e lo ossigena, proprio come avviene durante la respirazione quando l’aria inspirata cede l’ossigeno al sangue che arriva ai polmoni, rimuovendo l’anidride carbonica. Grazie alle sue ridotte dimensioni il polmone portatile è molto più maneggevole delle bombole di ossigeno che, per quanto piccole, spesso costringono un paziente a muoversi su una carrozzella.

ORGANI «INDOSSABILI» - Non solo, quindi, il nuovo dispositivo può aiutare le persone malate a respirare meglio, ma addirittura potrebbe, in futuro, sostituire il trapianto di polmoni. La storia del resto si conosce: è la stessa che ha già portato alla realizzazione del cuore artificiale, che oggi ha raggiunto dimensioni veramente piccole, è impiantabile e aiuta i cuori scompensati a pompare il sangue, e del rene «indossabile» che è attualmente allo studio per i pazienti che sono costretti alla dialisi o al trapianto.

Valutazione attuale: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

La criminalità a Catania sta aumentando. E proprio alcuni giorni fa, il titolare del portale Cataniacentro.com è stato aggredito, nei pressi di via Plebiscito mentre insieme ad un collaboratore, stava effettuando un inchiesta sullo spaccio di Cocaina che avviene a ridosso dei quartieri che attorniano il famoso “Tunniceddu a plaia”. Un gruppo di giovani delinquenti,

Valutazione attuale: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Me ne sono accorto stamattina, quando uscendo come al solito per fare passeggiare il mio cane, nei pressi del Castello Ursino, forse una delle zone più a rischio di Catania per criminalità e micro criminalità (anche se sicuramente non la peggiore), passeggiando tra i viottoli della piccola area verde ubicata dinnanzi alla secolare fortezza, una volta infestate di piccoli delinquenti e spacciatori, adesso ci ritrovo due coppiette che passeggiano serene, una ragazza che litiga al telefono con il suo ragazzo e urlando gli dice, non ti amo più Giuseppe! Un vecchietto, e alcuni bambini che giocano.

 

Valutazione attuale: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Per evitare prevedibili disservizi alla riapertura delle scuole il Responsabile Istruzione ANCI ha da tempo chiesto, a nome della Commissione Scuola, Nadia Masini da tempo ha chiesto un incontro ai Coordinamenti delle Regioni sulle materie dell’Istruzione e Sociale, al fine di definire politiche collaborative sulla materia del trasporto scolastico riservato per i disabili delle scuole superiori. Infatti le ripetute sentenze e pareri della Magistratura hanno escluso la competenza dei Comuni in materia e riaffermato quella delle Province, prevedendo anche il rimborso dei servizi già espletati. Non è pertanto escluso che anche nel costante rifiuto ad assumere tali servizi da parte delle Province, i Comuni non riattivino un servizio che non è di loro competenza e molto costoso. Mentre mancano risposte da parte regionale, sollecitate come sembra anche dall’Upi, si registra una nuova importantissima Sentenza del Consiglio di Stato che, dopo il Parere, espresso in sede consultiva su richiesta dell’ANCI, con la Sentenza 2361/08 della Quinta Sezione, ribadisce lo stesso principio: in via ordinaria l'obbligo a fornire il servizio di trasporto gratuito di alunni con disabilità nelle scuole superiori è della Provincia. La nuova Sentenza è stata emessa a seguito del ricorso della Provincia di Salerno contro una precedente sentenza del TAR Salerno (n° 167 del 22/2/06) che su richiesta dei genitori di una disabile aveva imposto alla Provincia stessa lo svolgimento della funzione di trasporto. Il Consiglio di Stato, dopo aver lungamente approfondito il quadro normativo ed aver rigettato le ragioni presentate dalla Provincia, che aveva anche sostenuto la competenza del Comune in materia, conferma la Sentenza del TAR di Salerno e precisa che in mancanza di apposita e precisa legge regionale la competenza è della Provincia. Trova sempre più puntuale conferma quindi il principio che se da parte delle Regioni si vuole spostare una competenza dal soggetto naturale ad un altro, le Regioni debbono contestualmente individuare modalità e finanziamenti.

Valutazione attuale: 0 / 5

Star InactiveStar InactiveStar InactiveStar InactiveStar Inactive

Per la legislazione italiana, quando il divorzio è addebitato alla colpa di un coniuge, l'altro perde qualsiasi diritto all'assegno di mantenimento. Resta invece la possibilità di chiedere gli alimenti, cosi' come resta il dovere di entrambi i coniugi di provvedere al sostenimento dei figli. La differenza tra alimenti ed assegno di mantenimento è enorme. Gli alimenti possono essere richiesti dal coniuge che versi in stato di bisogno e sono determinati in somme di denaro in genere di entità relativamente modesta. L'assegno di mantenimento, dovuto al coniuge cui non sia addebitabile la fine dell'unione, è invece quantificato in modo che al coniuge meno abbiente sia garantito un tenore di vita complessivamente analogo a quello che avrebbe potuto godere se il matrimonio non si fosse sciolto. Secondo il diritto canonico, non esiste un diritto del coniuge all'assegno di mantenimento dopo la dichiarazione di nullità. Ed è ovvio sia cosi', per la natura stessa della nullità e di un matrimonio che si considera mai celebratoDal momento che la nullità del matrimonio impone di considerare quel matrimonio come mai celebrato e mai esistito, e dal momento che la delibazione della sentenza di nullità fa stato tra le parti dal momento in cui diviene efficace nell'ordinamento italiano, la nullità puo' esplicare enormi effetti sui rapporti patrimoniali tra i coniugi la cui causa divorzile non sia stata ancora completamente definita. Conseguentemente, la legislazione canonica si intreccia con quella italiana con conseguenze in certi casi dirompenti. Infatti, se prima della definizione del divorzio e del regime patrimoniale tra i divorziati sopraggiunge la delibazione della sentenza di nullità ecclesiastica, decade il diritto all'assegno di mantenimento perché il giudice italiano non puo' disporre l'assegno di mantenimento per un matrimonio che ora anche per l'ordinamento italiano non è mai esistito. Ci si puo' chiedere per quale ragione, scioltosi il matrimonio, ed in assenza di figli, uno degli ex coniugi debba essere tenuto a pagare alimenti ed eventualmente assegno di mantenimento all'altro coniuge. Dal punto di vista del coniuge che riceve queste somme di denaro si tratta naturalmente di un diritto, per chi paga è spesso una sorta di estorsione mensile. Per come sono configurati nel nostro ordinamento, alimenti e assegno di mantenimento presentano tratti chiaramente distinti, ma si fondano su un principio comune. Contrariamente a quanto molti pensano, alimenti e assegno di mantenimento non sono una sorta di risarcimento dei danni a carico del coniuge colpevole del fallimento del matrimonio. Sono entrambe forme di assistenza ed al tempo stesso una sorta di vaccinazione di Stato contro il rischio che il coniuge economicamente piu' debole si ritrovi in una situazione paraschiavile verso un partner agiato da cui non puo' divorziare per non ritrovarsi in mezzo ad una strada o comunque a vivere in condizioni materiali nettamente sfavorevoli rispetto a quelle matrimoniali. Ci si puo' chiedere  che senso abbia oggi l'assegno di mantenimento e perché nessuno proponga di abolirlo. L'attuale assetto legislativo presenta enormi incongruenze e distorsioni. Nel caso di un matrimonio dichiarato nullo dai tribunali ecclesiastici, magari dopo anni di convivenza e la nascita di qualche figlio, non c'è possibilità di assegno di mantenimento né di alimenti (con eccezione degli alimenti per i figli), ma nel caso di divorzio dopo soli pochi mesi di convivenza matrimoniale l'assegno di mantenimento puo' invece essere assegnato. Potremmo dire, con un facile slogan, ti sposi un miliardario, o una miliardaria, divorzi subito e ti sistemi per la vita. Cosi', il binomio matrimonio-divorzio diventa a volte, e non di rado, un buon mezzo di arricchimento personale, o se preferite di prepensionamento sui generis. Altre volte, il coniuge economicamente svantaggiato, nonostante una legislazione all'apparenza iperprotettiva, si ritrova letteralmente in mezzo ad una strada.